Voci dalla Valle

In questa sezione del sito sono raccolte una serie di interviste raccolte e trascritte in diverse località delle valli. Facendo questo lavoro cerchiamo di andare a raccogliere qualche frammento delle varianti che sono maggiormente "a rischio di estinzione" perché il numero di parlanti è sempre più ridotto. Allo stesso tempo andiamo a mettere in luce aspetti legati sia ai luoghi che al passato.

Un enorme ringraziamento sia a chi è stato disponibile a essere intervistato, sia a chi ha girato le valli per raccogliere le interviste e poi le ha pazientemente riascoltate per trascriverne le parti più interessanti in grafia concordata, sia ancora a chi ha fatto la revisione dei testi. Mersì eun barò a tuts!

Souchères Basses e Grand Puy, Stsìëra e Pèou

Souchères Basses è la prima borgata che si incontra arrivando da Pinerolo, il soprannome maneùlha è proprio in ricordo delle maniglie con i battacchi che venendo battute annunciavano una presenza. Grand Puy, invece è la borgata che si trova a 1831 metri sul livello del mare, un tempo era molto popolata, ancora fino al 1924, anno dell'incendio che distrusse buona parte della borgata.

La Val Chisone è ricca di tradizioni che vengono tramandate da generazioni, e che trovano molte varianti in pochi km. È emblematico lo scambio di battute tra Renzo Guiot (nato e originario di Grand Puy), Franco Benet e la maestra Mariarosa, questi ultimi nativi della borgata Laux, nel comune di Usseaux.

Elisa Torazza

Name Play Size Duration
GrandPuy-SoucheresBasses
Elisa Torazza

3.6 MB 3:24 min

FRANCO:"Cailhettes. Tout lou loune a sa pinereua. Mi la piuc, la gratto e aprè el continho. Mon travau tout lou lous 'n valpo. Mi la gratto e las apresto, aprè el fa 'l soffritto aprè la fa couair".
MARIAROSA: "Ma boute pà 'd pan ou grisin dins?"
FRANCO: "Sì sì. Un peu 'd pan, 'd grisin, 'd lait".
MARIAROSA: "Ah, nous non". Isi, dint istes bourdzò, lha la familh quë la fò d'n manier e la familh quë la fò d'n autra".
RENZO: "Nous alour se fazen 'd calhetta, la fazen ou 'd truffa ou 'd pan".
MARIAROSA: "Ah ben, queinqui l'è ganefli. Nou nou malhou lou ganefli, quell abou 'l pan. Man memè è lou ganefli. Però seau pà come ais faizeisou"
RENZO: "E lou sounava lou randirols. L' arsettë vielh i la fazion abou 'l pan asetà, peui laisava 'l pan arsetà a moullir dint 'l lait, ma ventava qu'a feuisse d'l lait dë bèt, peui boutava un èu e basta parìa. Quand l'era ben ben moulì, qu'a fousa pà trop bagnà, së pasava dint la farinë e s' tapava dint 'l lait boulhent, dount dint 'l lait boulhent lh'avìa ma la calhetta dë trouffa ilh boutava unë calhetta tsaud ou 'd pouri".
MARIAROSA: "Sarìa noutri ganefli. Il fasou co parìer".
RENZO: "L'ai dzà entendu ganefli. Commë dizau voui autri la calhetta 'd pan?"
LUCA: (DA MENTOULLES) "La Calhetta. Perquè la calhetta nou soun 'd pan, pà 'd triffla".
MARIAROSA: "L'e touta 'd pan?"
RENZO: "Pan e grisins".
FRANCO: "La trouffa saol. Ou sanhavo 'l courin, aprè lo boutavo sou la trouffa saol, boutavo unë sousis, 'n toc dë lar.
RENZO: "E 'l pelò nen fazao?"
FRANCO: "L'è pa la binhetta isi a Lau?"
RENZO: "Ma 'd trouffa dco?"
FRANCO: "Ma mamà la faziao. Trouffa imacò peui la batiava abou 'l boulinhou, un peu 'd farinë e peui la faziao fridzè."
RENZO: "Ma alhà co la meme tsoz quand pren dë trouffa, peui la gratuzà, noui n'en fazìa embarò. Peui ou preneva 'l courilhò 'd trouffa gratuzò, l'oz boutè itsi l'oz dourìa arà d fè 'd pilon".
MARIAROSA: "Nou la binhettë abou 'l ri avansà".
LUCA: "E la tortë lableuan?"
MARIAROSA: "La Bletta ou dizei".
FRANCO: "Atacau 'l fourn, betiau la carota roa, tsois, peui faziao la torta, boutava dint 'l fourn".
RENZO: "E ou fazie 'l tsalendol?"
MARIAROSA: "Qu'estque?"
RENZO: "Ou fazìa 'l pan e peui fazìan setsò. Boutava s' la patiere sou 'l tsevilhìa, perquè setsess".

Traverses, Plan e Pattemouche / Traversa, Plòn e Pattëmoutsë

La borgata di Traverses ha ospitato le scuole elementari, dalle quali arrivavano i meinô (bambini) dalle borgate di Duc, Chezal, Allevè, Villardamond, Pattemouche e Plan. Come testimoniato da Lucia Marcellin, originaria di Traverses ma residente a Pinerolo d'inverno, negli anni 1960 e 1961, gli studenti sperimentarono il progetto della telescuola, che però non ebbe molto successo.

Elisa Torazza

Name Play Size Duration
Traverses2
Elisa Torazza

0.7 MB 0:35 min

" 'L avìa Ermanno Bermont que nou fasìa telescuola, 'l meitre d'la seirabossa. Nous avìa un televisiò itsi, nou fasìa lissò ou que, peui nou fasìa lou compiti, peui si spedishiò a Romë e peui tournava arei. 'l era une tsoz que creo que pochi soubliò perché per fortune il à peui integrà abou la medie, alour l'an aprè un s'è peui anà a fò la seconda media a Finitrella perché l'i età propi n'esperiment iquen sou nou pel que n'a pà funsiunà".

Traverses, Plan e Pattemouche hanno subito durante il periodo delle olimpiadi invernali Torino 2006 un ammodernamento e un riassetto urbano. Molte case sono state vendute dai locali e, da queste sono stati ricavati un numero elevato di appartamenti. Plan invece, è stata ed è ancora la borgata protagonista a livello sportivo: a parte lo stadio del salto, trovano posto lo sci di fondo, che si estende fino alla Val Troncea, che offre paesaggi incontaminati e unici nel suo genere. Inoltre, Plan ospita un campo da golf da 9 buche, compreso il campo pratica. Pattemouche invece, ospita l'unico resort di tutta la Val Chisone: quello del Club Med. Nonostante i numerosi cambiamenti che queste borgate hanno subito nel corso del tempo, il legame delle persone originarie dell'Alta Valle è costante, anche se per diverse ragioni hanno scelto di vendere le case in cui hanno trascorso la loro infanzia.

Name Play Size Duration
Traverses
Elisa Torazza

1.5 MB 1:09 min

A Traversa venou d'ità stra-voulountìa. D'uver pa mai gair, tout louz on men perqué pità la neu, la palaou magar, pa mai gair veulh, via. D'ità 'm plai a la foulia perqué a patisou 'l tsaud et pei comunque tournà dint mon pai, l'i pa mal, anche se, lh'a pa mai la dzent (grosa persouna) da post e pei lh'a 'l Med, m'a sento bastansa strania dint mon pai. Da post i lh'a 'nco na quinzina 'd persoune, la resta l'i touta 'd fouritìa. Lh'a pa mai neun. Lou dsouvi soun tout anà casi via. Lh'a pa mai grand dzent. Embarò mizon soun ità vendùa, c'mà l'eic fait mi da 2007, perché soun soulette, mizò gros, l'an vengu fora euch alodz e lh'ana embarò qu'an fait paria qu' i l'an vendu, l'on fait d'alodzi e ristruturò.

Duc e Chezal, Dûc e Tsezôl

La borgata di Duc è divisa in due parti: Duc D'Avól e Duc D'Amont, ognuna col suo forno. Duc fu legata a Chezal dalla presenza di un'unica cappella che univa gli abitanti di entrambe le borgate, nonostante i 100 metri di dislivello tra le due. La vita di une viedzë è ancora ben viva nel ricordo di Alma Lantelme, nata a Chezal, sposata a Granges e residente ora a Traverses per un periodo dell'anno: d'inverno infatti, vive con il nipote a Torino che frequenta l'università. Insomma, una donna con un grande spirito di adattamento, profondamente ancorata ai luoghi in cui ha trascorso la sua vita, ma sempre pronta a cambiare, ad evolversi per rimanere al passo con i tempi, nonostante i suoi 85 anni.
L'intervista di Alma è una testimonianza importantissima, che ci proietta in un tempo che sembra ormai lontanissimo, anche se in realtà ci racconta del secolo scorso, insomma, non sono passati neanche 100 anni.

Name Play Size Duration
Duc-Chezal1
Elisa Torazza

0.5 MB 0:30 min

ALMA: "Ma mama venìa da lavè, alour cant avìa da felho da Tsezol ou fa 'd travaou il butavan un chit dareir dint 'l prà, un linsol blanc manà il anau vìa ou a countr 'l cant"
RENZO: "E i partìo da Tsezol ou da Dzussaut, i venìo avol e tournavan amónt e l'anavan su e dzou. I l'avian po 'd viol s'la Traversa da pasò. Non, 'ntava qu'desendeiso"
ALMA: "No, itsi lh'a pa 'd via, perquè 'nta que pasa pa d'amount për anà".

Continuando l'intervista, ci racconta di un altro fatto che lascia quasi interdetti: una mamma che, non avendo il latte da dare ai propri bimbi neonati, copriva loro gli occhi con una benda e li attaccava agli animali, vacca, pecora o capra.

Name Play Size Duration
Duc-Chezal2
Elisa Torazza

1 MB 0:51 min

Dan mazarden, nh'à nourì ounz, di vintedoui an et il n'avìa pa ren lait. Ilsa tout nourì abou un fei, un tsabr, un vats, i a mourova a la bestia per ploufatetoda nourì. Betavo 'n ganash su l'uzel, pa qu' neis ma nit, peuj lous nourovon a la vach ou a la fei ou a la chabr, quelqu'l'avìa et ils ont tout nourìa parìa abou sa bestia. Barbou Fransuà a l'ità nourì abou un vats e el ouchab moun veil souven 'nca mì qui lavourovon abou la vatsa, cant' l'avìa sei e fazìa tsaud d'ità s'abourrava tatô sa vatsa, perquè el a età nourrì abou una vach.

Name Play Size Duration
Duc-Chezal3
Elisa Torazza

0.7 MB 0:36 min

E ancora, ci racconta del giro a piedi che doveva fare tutti i giorni, con la sua vacca:
"(Da Grondza) Partìo 'd matin, munzìo, fazìo soc qu'avìo da fa, pei anavou amónt a Tsezol a pè. Peui da Tsezol prenìo la merende e anavou casi sû a Bantsette ichaout, abou la vatsa. Batsìa 'l dzour qu'i avìan la vaccha e pei cant aribov a Tsesol, 'd neout prenìo cacaren et pei tournavo parti, venìo avol a la Grondza, soulet parsimon. Dint un dzour fazìo tout qui travalh-itsi. Partìo da Grondza, 'navo a Tsezol, 'navo a Gran Cost, tournavo avol a Tsezol e tournavo a Grondza".

E nonostante le borgate siano state ristrutturare e siano in uno stato di conservazione molto migliore rispetto a com'era in passato, recandosi in questo piccolo insieme di case arroccate l'una sull'altra, si ha l'impressione che il tempo qui non sia mai passato, ma che anzi si sia fermato al tempo dei racconti di Alma. E forse, è proprio questa la vera autenticità di questi piccoli borghi.

Elisa Torazza

Granges e la Ruà, Grondza e la Ruô

La Ruà è il capoluogo di Pragelato, mentre Granges è la borgata resa protagonista durante le olimpiadi di Torino 2006. Qui infatti è stato costruito l'imponente stadio del salto, composto da due trampolini da gara e tre da allenamento, inizialmente pensati per iniziare i giovani che avessero voluto praticare questo sport minore, magari insieme allo sci di fondo. Pragelato è infatti uno dei luoghi più importanti per quello che riguarda la pratica dello sci di fondo a livello nazionale. Tuttavia, il destino dello stadio del salto non è ancora ben definito, pur essendo passati ormai 8 anni dai giochi olimpici. Sicuramente grandi e piccini si divertono molto in estate praticando "tubing" (attività che prevede l'utilizzo della pista di atterraggio dei trampolini come enorme scivolo, usato attraverso delle camere d'aria su cui sedersi). La Ruà invece rappresenta il fulcro del paese, la borgata dove si trovano i principali servizi e le istituzioni.

Tutte le borgate hanno subito cambiamenti, in particolare il concetti di salutare ha una valenza culturale molto forte in questo paese. Lucia Marcellin lo spiega bene: salutare non significa solo dire "Buongiorno" o "Buonasera", significa fermarsi, dedicare un po' di tempo a scambiare due parole.

Name Play Size Duration
Granges1
Elisa Torazza

1 MB 0:47 min

'L proublema a l'e qu'i vourìa pasò dint 'l pai e troubò quacun a dir "Ah, alour c'mà vai-la? Bondzour" et 'nvece troubo pa mai neun. Dront, cant abitavam itsi, nouz arcomandavan tsou, radzounò la dgent, e pa mai che dir "Bondzourn", e 'co dir "C'mà vai-là?", fô doua parolla. Ou traversovi touta la bourdzo, lh'avìa quacun, invece eour pasà dint 'l pai mai da viedzi. Viedzi qualcun qu'a diza "Buongiorno". Pensou qu'soi daperout paria.

Name Play Size Duration
Granges2
Elisa Torazza

0.4 MB 0:18 min

Spiega molto bene anche il motivo per cui le persone hanno scelto di abbandonare Pragelato e cercare fortuna altrove. "La manc propi lou soldi perqué la dzent i s'anavo ou avol, a la fabrica a Vialar, Pignerol ou que oppur dint louz hotel a Sû Col, perché itsi avìa pas 'l mouien de pouguei ouguei de travolh".

Nonostante le Olimpiadi del 2006, non c'è stato un ritorno alle valli, come magari ci si sarebbe potuto auspicare, almeno non da parte dei locali. C'è stato sicuramente un forte aumento dei residenti e delle nascite grazie alle persone forestiere che qui hanno scelto di vivere, contributo dato perlopiù da persone straniere, quali rumeni e marocchini (la presenza del Club Med e dello Ski Jumping Hotel hanno contribuito notevolmente allo sviluppo di questo fenomeno).

Elisa Torazza

Allevé, l’Alavé

La borgata di Allevè si trova a 1800 mt slm. Abbandonata dal 1966, oggi si presenta quasi completamente ristrutturata e l'impressione che si incontra entrando nella borgata è quella di essere in un borgo vivo, dove la gente potrebbe abitarci anche tutto l'anno. I gerani su tutti i balconi danno subito colore e mettono allegria alle persone che arrivano, anche durante una giornata in cui le nuvole regnano sovrane. Oltre ai batsò, incontriamo ovviamente il forno. È subito chiara la netta differenza con la vicina Villardamond: qua il forno è conservato, ma non ristrutturato e nemmeno funzionante (caratteristiche invece del forno di Villardamond). Tuttavia, si incontra una locanda: la locanda di Allevè che, oltre ad avere 10 camere (numero abbastanza elevato rispetto alla grandezza della borgata), offre ai turisti e non solo, la possibilità di gustare i piatti tipici della valle: oltre ai classici salumi e alle popolari tome (famosissimo il Plaisentif, il cui sentiero passa anche per questa valle), si possono gustare ed apprezzare le specialità locali, quali Calhiette e ghinifle, specialità di difficile reperibilità, se non nella cucina casalinga. Inolre, risulta essere molto apprezzato dagli ospiti che vi hanno soggiornato, come si evince facilmente dalle recensioni lasciate su un noto sito di recensioni di alberghi e ristoranti. Allevè risulta essere un punto strategico per la partenza verso diverse escursioni da trekking.

Come Villardamond, in passato anche la borgata di Allevè era collegata alle borgate inferiori non dalla strada carrozzabile, bensì dalla vaut, l'antico sentiero che anche i ragazzi dalla quarta elementare dovevano percorrere per recarsi prima alla scuola di Traverses e poi, dalla prima media, alla scuola de La Ruà. Allevè infatti aveva solo le scuole elementari sussidiarie.

Elisa Torazza

Name Play Size Duration
Allevé
Elisa Torazza

1.1 MB 0:56 min

"La Grangia l'era plu comod anà travalhò perquè mi travalhavo a Souscol az emplan e decisamente l'er melh perquè alour (anni 60) la vìa l'era pa ouvert d'houvern, invece heur l'ez ouvert tout l'houvern. 'l chamì l'a età fait dant 1950. D' ouvern quand venìa embarò d'nieu e fasìan la courvè, fasìan la via abou la paul per poughè tracour anà a mount e a vaul p'la vìa, sounau la vaout ou la via d'la Mis.

L'ai fait la prumìa, la segund e la troisieme elementaire; peui quarta e quinta l'ai faita a la Traversa, dint las icola "Alberto Picco" e peui l'ai fait la prima media a La ruò.

Bruno Chiquet

   

Newsletter  

   

Login Form  

   

Chi e' online  

Abbiamo 13 visitatori e nessun utente online

   

Statistiche  

Utenti registrati
630
Articoli
424
Web Links
18
Visite agli articoli
1243325
   
© La Valaddo - Codice Fiscale 94511020011 - Partita IVA 05342380010